sabato 3 ottobre 2009

Un piccolo quiz - parte 2

Come promesso, Sergio mi ha fatto avere le scansioni di altre tavole da L’Ometto Pic del 1945/46, opera di un misterioso autore para-disneyano probabilmente coinvolto nella realizzazione, durante la guerra, del lungometraggio animato La Rosa di Bagdad, recentemente rieditato in un fantastico blu ray.
Finalmente spunta un nome, Gianese. A qualcuno dice qualcosa? Appena avrò un po' di tempo, scorrerò di nuovo tutti i nomi dei collaboratori (sono tanti!) del lungometraggio diretto da Anton Gino Domeneghini. Intanto dico che Lindoro il Castoro mi sa tanto di rielaborazione, se non di ricalco (rimontato), da un comic book americano... Che abbia ragione Fortunato? Sindabad, invece, è più problematico.



7 commenti:

  1. Ciao!

    Interessante assai. Quella firma, in realtà, dice "G. Gianese". Forse Gianni Gianese? Potrebbe essere lui, abitava a Roma uno scultore e scenografo con questo nome, Figura piuttosto oscura, ma non è improbabile che una persona interessata ai "cartoni animati" negli anni Quaranta, magari giovane (data di nascita non "available"), siccome nel settore non c'era trippa per gatti abbia poi deciso di restare nel settore delle arti creative divenendo artista al servizio del cinema con altre caratteristiche, Per esempio, lo troviamo nel 1962 attivo sul set del film storico "Venere imperiale", con Gina Lollobrigida, prodotto da Cineriz di Angelo Rizzoli...

    Bravissimo, comunque! E non mi risulta che la storiella del castoro sia un ricalco!
    Vorrei sottoporla agli "appassionati di furry" nel mio blog, magari esce fuori qualcosa... Naturalmente citando fonti, Sergio, Leo e il link!


    Qualcuno di voi può proseguire la ricerca nei libri di cinema su Gianni Gianese?


    Buona domenica!

    RispondiElimina
  2. Ma Gianni Gianese non era uno scenografo di Fellini?
    Dovrebbe essere ancora in attività.

    Circa LINDORO, non mi sembra (nonostante l'aspetto americano) essere una "rielaborazione" da un comic book (o, almeno, io, per quel che conta, non ho mai visto un simile personaggio).

    Circa HAMEDIN, cercando un bravo imitatore disneyano e volendolo cercare nel gruppo della Rosa di Bagdad, butto lì la più ovvia delle vaccate: non sarà mica il buon vecchio Nino Bioletto?

    RispondiElimina
  3. Effetivamente la firma è G. Gianese e potrebbe essere il tizio sceneggiatore citato da Luca. Per quanto riguarda i credits della Rosa avevo già controllato:nel blu-ray il nome Gianese non figura.
    Quella di Fortunato su Bioletto potrebbe non essere una vaccata.Boh!
    Proseguirò le ricerche.
    Luca può prendere ciò che vuole.
    Sergio

    RispondiElimina
  4. Ho trovato qualche dato in più su Gianese, in effetti potrebbe essere lui:

    "Giovanni Gianese nasce a Roma il 29 luglio 1928. Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti, ha cominciato a lavorare giovanissimo, applicandosi nel campo della decorazione e dell’ornato."

    Continua qui: pal.voli.bs.it/Allegati/all_6997_PROFILO%20DI%20GIANESE.doc
    ... e in fondo c'è pure un recapito telefonico, che è tuttora riportato sulle Pagine Bianche, e quindi dovrebbe essere valido...

    Ciao,
    Armando

    RispondiElimina
  5. Ciao perdona l'intrusione, ma non riesco a contattarti in nessun modo...volevo semplicemente chiederti se vendevi le annate rilegate di linus. fammi sapere a frannesc@tin.it
    grazie

    RispondiElimina
  6. Ciao
    Non vendo le mie collezioni. Almeno per ora!

    RispondiElimina
  7. ok ma se cambi idea contattami a frannesc@tin.it
    ciao

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget