lunedì 21 dicembre 2009

Il Vittorioso 1958-1962 – Benito Jacovitti

Come ho già più volte detto, dopo il 1957 iniziano a latitare, sul Vittorioso, i grandi autori che avevano reso memorabile il settimanale, specie durante l’arco del decennio precedente. La “perdita” più grave è senz’altro quella di Jacovitti, che dal 1957 è impegnato – benché non in esclusiva – con “Il Giorno dei ragazzi”, per il quale scrive e disegna la saga di Cocco Bill e molte altre serie: è un tour de force che gli rende impossibile mantenere il ritmo consueto e forsennato con il settimanale cattolico. Ciò non toglie che il Nostro continui a disegnare splendide copertine e affollatissime “panoramiche”, o tavole assimilabili a quelle:

1959



La copertina seguente è “craveriana” (per il personaggio di Giraffone), un affettuoso omaggio al più anziano disegnatore (benché al collo abbia il Procopio di Lino Landolfi!):






1960



1961



Nella copertina seguente, Jacovitti sperimenta il suo nuovo tratto "multiplo", in punta di pennino, in cui si supera la linea di contorno semplice e netta. Una leggenda, avvalorata dallo stesso Jac, dice che questo originale segno gli veniva naturale, in quanto disegnava... mentre suonava la batteria!



Le storie a fumetti nuove, invece, sono molto poche: più o meno una l’anno.

1959

L’annunciatore della prima vignetta è la caricatura di Riccardo Paladini, primo speaker del Telegiornale. E lo sceneggiatore di Pippo e Gibù è Mario Basari, autore tra l’altro delle memorabili storie Le babbucce di Allah e Don Chisciotte, che abbiamo già visto quando ci siamo occupati dei primi anni Cinquanta.






1960

Nella storia “fantascientifica” Pippo e il Cirlimpacco, come del resto abbiamo già visto, Jac prende di mira il Rock ‘n Roll:











1961





Per il resto, la redazione del Vittorioso propina ai lettori diverse ristampe. Si tratta di storie anche di quindici anni prima, quindi sconosciute alla maggior parte dei giovanissimi lettori. I quali, però, avranno di certo notato una marcata differenza di stile grafico, e anche di temi e motivi narrativi. Per noi, comunque, è un’occasione unica per ammirare, in veste migliore e a colori, alcuni episodi che a loro tempo erano stati stampati in nero.
È soprattutto il caso di Pippo e la guerra/Pippo e la pace, pubblicata per la prima volta nel 1946 in piccolo formato e in bianco e nero (notate la data cancellata, accanto alla firma):

1960





2 commenti:

  1. Hi! Thanks for so impressive blog you have! I was wondering if you can share with me the information of Jacovitti stories included in Il Vittorioso magazines. http://muuta.net/CoccoBill/Jacovitti.html - MuutaNet

    Hi! Grazie per il blog in modo impressionante che hai! Mi chiedevo se è possibile condividere con me le informazioni di storie di Jacovitti incluse riviste a Il Vittorioso. http://muuta.net/CoccoBill/Jacovitti.html - MuutaNet

    RispondiElimina
  2. Hello! I'm not at home, until the end of August. As soon as i can, I'll be very glad in sharing infos with you! Compliments for the interesting blog.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget