lunedì 11 gennaio 2010

Il Vittorioso 1962-1966: D’Antonio, Giovannini, Paparella…


Tre autori, attivi negli ultimi anni del Vittorioso, non sono certo da considerarsi “minori”, per quanto appartengano al gruppo che assicura al settimanale il grosso della produzione di fumetti (autoconclusivi e non).

Di Gino d’Antonio ho già scritto qua. È uno degli autori più “americani”, a proprio agio con le storie di ambientazione contemporanea. Ma è anche abile nei “kolossal” in costume, in questo somigliando un po’ al grande Gianni De Luca. L’ultimo suo exploit sul Vittorioso, prima di passare alla Bonelli (all’epoca Cepim) con la celebre Storia del West, è infatti l’epico Alessandro:






Ruggero Giovannini è stato uno delle colonne del Vittorioso, fin dalla ripresa postbellica, nel 1945. Il suo Jim Brady, pubblicato in quell’anno, è forse il primo eroe del settimanale di taglio “moderno”, che si rifà apertamente alla scuola americana del Fumetto realistico e noir. Anche lui, al crepuscolo del Vittorioso, si impegna con ambientazioni medievaleggianti. La disfida è un episodio affascinante, soprattutto per certe suggestioni “magiche”. Ma l’avventura di Giovannini, prima di passare con successo ad altri lidi (principalmente Il Giornalino, ma anche il Corriere dei Piccoli), si conclude con un “realistico” Oro Proibito:











Di Raffaele Paparella, attivo fin dagli anni Trenta, mi ripropongo di parlare più estesamente nel prossimo futuro. È fra gli autori più colpevolmente trascurati (e sottovalutati) del Fumetto italiano, e sì che è stato attivissimo, non solo sul Vittorioso – fin dai primi anni – ma anche nel giro del Fumetto “popolare”, a partire dal Pecos Bill mondadoriano del 1949. Paparella non ha neppure una pagina di Wikipedia; notizie su di lui, almeno in rete, sono assai scarne. Cercherò, come ho detto prima, di rimediare.
A proprio agio con ogni tipo di ambientazione, da quelle più moderne alle storie in costume, Paparella sa dipingere con grande abilità grandi vignette “panoramiche” dense di minuti particolari ma è maestro anche nelle scene d’azione. Gli esempi che riporto di seguito credo siano eloquenti.
Dopo la chiusura del “Vittorioso”, Raffaele Paparella, almeno a quanto mi ricordo, non pubblica più fumetti, per lo meno in Italia. C’è comunque un numero speciale di Fumetto (ANAFI), il numero 48 del 2003, dedicato al Nostro, a cui ovviamente attingerò.












5 commenti:

  1. Ciao,
    Sono un disegnatore francese e mi piace molto il lavoro di d'Antonio. Ho comprato Il Vittorioso con la storia di Arturo.
    Vorrei sapere, prego, i numeri delle rivista con la storia di Alessandro : dal n°1 a ?
    Grazie mille,
    Félix Meynet

    RispondiElimina
  2. Ciao!
    Alessandro è pubblicato dal n. 1 del 2 gennaio al n. 19 dell'8 maggio 1965, per complessive 42 tavole. Sono felice per esserti stato di aiuto

    RispondiElimina
  3. Salve,
    scrivo qui perchè non sono riuscito a trovare un indirizzo mail, mi scuso quindi se vado fuori argomento.
    Stò cercando informazioni e materiale su di un fumetto od una serie di cartoline aventi come protagonista il Capitano Bergia dei Carabinieri, noto anche come l'eroe degli abruzzi, protagonista della lotta al brigantaggio nella seconda metà dell'ottocento.
    Sarei grato a chiunque potesse darmi anche solo indicazioni a riguardo.
    Grazie

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    Grazie per l'informazione.
    Ho comprato tutte le riviste con la storia di Alessandro ma penso che d'Antonio non ha disegnato tutte le tavole.
    Puo essere che aveva troppo lavoro in quel momento ? Tuttavia, sembra che tutte le mattite sono di sua mano.
    Ha disegnato altre cose per Il Vittorioso ?
    Grazie per tutto,
    Félix

    RispondiElimina
  5. "Satana dell'Universo" parte dall'Agosto 1948.
    Incredibilmente su "Topolino" c'è contemporaneamente, sempre disegnate da Paparella, a pagina 2 "Sulle acque del rio grande" su soggetto di Federico Pedrocchi e a pag.3 "La compagnia dei sette per il mondo" sempre dello stesso scrittore, purtroppo deceduto nel 1945 a causa di un mitragliamento mentre si trovava in treno per lavoro.
    Andava a Genova, mi pare.
    Fortunatamente possiedo le annate di "Topolino" di quel periodo e a proposito posso dire che tiene certamente testa al contemporaneo "ll Vittorioso".
    Per il volume dell'AVE sono fondamentalmente d'accordo: una mia "non recensione" scherzosa di tale invero strano saggio, mandata ad un notissimo critico, mi ha procurato una bella lavata di capo.

    Per l'OVRA naturalmente celiavo: sono io che con il nuovo mouse combino casini a non finire.

    Cordiali saluti

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget