mercoledì 6 gennaio 2010

Il Vittorioso 1959-1966: i “minori” e qualche sorpresa


Negli anni fra il 1962 e il 1966, come ho già detto qualche post fa, gli autori “minori” costituiscono l’ossatura del Vittorioso: sono infatti notevoli artigiani come Carlo Boscarato, Antonio Sciotti o Alberto Tosi, ad assicurare la produzione di storie complete, autococnclusive, e di lunghi cicli di storie, quasi delle epopee. Le presenze più assidue, sulle pagine del settimanale, sono comunque quelle di Renato Polese, soprattutto con Bill Holden, e di Gino Sorgini, con Il cavaliere di ferro, lunghe saghe che si dipanano in moltissime puntate.
Leo Alessio (1961):




Carlo Boscarato (1960, ’61, ‘64):









Santo D’Amico (1960):



Renato Polese (1959, ’61, ’62, ‘64):












Gino Sorgini (1964, ‘66):









Otello Scarpelli (1961):



Antonio Sciotti (1965, ‘66):









Alberto Tosi (1962, ’65, ‘66):












Dicevo prima che il Vittorioso di questi anni ci riserva anche alcune sorprese. Interessante è scoprire che anche il grande Dino Battaglia ha lavorato, in quegli anni, per il mercato inglese: presumo per la stessa Amalgamated Press con cui ha collaborato, come abbiamo visto, Guido Buzzelli:


1962





C’è anche un “grande vecchio”, che abbiamo già incontrato:


Antonio Canale (1962):



1 commento:

  1. Interessante. Questi sono i fumetti che leggevo da bambino. Mi chiedo se alcune di queste storie sono disponibili on-line ...

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget